how to do a good business plan thesis sentence writer romans homework help research papers on biotechnology homework help geography ks3 phd conclusion research proposal timeline example literature review writing services dissertation von bernward halbscheffel how to deal with homework stress

Gastronomia istriana

La cucina istriana oggi..

Molti dei piatti derivanti dalla penuria di quei tempi, oggi sono ritornati alla ribalta. Cosicché il nutrimento dei pescatori e dei braccianti di una volta, oggi è considerato conforme alle tendenze più moderne in materia di nutrimento. Il nutrimento con molto pesce (in prevalenza azzurro), la predominanza di cibi cotti (lessi) su quelli fritti, l’abbondanza di frutta e verdura, di piante ed erbe spontanee, l’uso dell’olio d’oliva ed il consumo moderato del vino - in prevalenza rosso - sono le caratteristiche principali della Dieta Mediterranea e del movimento di tendenza che va sotto il nome di Stile di vita Mediterraneo (Mediterranean diet). 

A seguito dell’abbandono della concezione del cosiddetto turismo di massa, su iniziativa dell’Ente per il turismo della Regione Istriana, dal 1995 a questa parte s’inizia a sviluppare un nuovo tipo di offerta turistica, con appunto la gastronomia elemento di richiamo per i buongustai. In Istria si organizzano numerosi eventi gastronomici dedicati agli alimenti locali, giornate dedicate ai prodotti tipici dell’Istria: tartufi, funghi, formaggi, miele, salsicce, ombolo (filetto di maiale), lumache, sardelle, asparagi, castagne ecc. Ci sono numerose konobe (tipiche osterie) che preparano i cibi in modo tradizionale: sul focolare e sotto la campana. Sulla scena gastronomica istriana spuntano ristoranti specializzati sempre più raffinati. 

Dal 1996 fino ad oggi è regolarmente pubblicata La Guida gastronomica Istriana con l'elenco dei migliori ristoranti e delle migliori konobe dell’Istria, secondo una giuria indipendente. La crescente popolarità del prosciutto istriano come prodotto autoctono protetto, il richiamo del tartufo bianco pregiato (Tuber Magnatum Pico), gli scampi del Quarnaro, il formaggio, il miele e lo straordinario olio d’oliva, più volte premiato anche in campo internazionale, hanno ulteriormente contribuito al successo della gastronomia istriana.

Fonte: L'enciclopedia istriana, Franko Lukež